Cuoco scivola sul pavimento bagnato del ristorante e si ustiona

Datore di lavoro riconosciuto responsabile per non aver fornito le scarpe antisdrucciolo

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 22514 del 07 giugno 2011 ha condannato il datore di lavoro proprietario di un ristorante per lesioni personali colpose ai danni del dipendente cuoco, a causa di un infortunio subito dallo stesso scivolando sul pavimento bagnato. La Corte ha affermato che la mancata dotazione delle calzature di sicurezza, in locali con pavimenti che possono risultare sdrucciolevoli, configura in capo al gestore un’omissione colposamente rilevante sul piano penale e civile.
In materia di infortuni, tra gli obblighi che l’art. 18 del d.lgs. n. 81/2008 impone al datore di lavoro vi è quello di:
"Fornire ai lavoratori i necessari e idonei dispositivi di protezione individuale, sentito il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e il medico competente, ove presente".
Trattasi di un obbligo penalmente sanzionato dall’art. 55, comma 5 , lett. D) con l’arresto da due a quattro mesi o con l’ammenda da 1.500 a 6.000 euro.

fonte : Rif. Sentenza Cassazione n. 22514 del 7 giugno 2011

CASI

INVIACI UNA RICHIESTA...
verrai contattato gratuitamente

Potrai ricevere assistenza legale e consulenza.
Raccontaci il tuo caso: compila il modulo!

* Campi obbligatori


Leggi l'informativa sulla privacy
 
 
graphics ZUMEDIA • powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica